Cartelle di pagamento: calano al 5,0243% gli interessi per i versamenti in ritardo

In calo dal 1° ottobre gli interessi di mora per le somme versate in ritardo a seguito della notifica di una cartella di pagamento. Un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate ha rideterminato, dal 5,7567% al 5,0243%, il tasso da applicare su base annua, in linea con la flessione dei tassi bancari attivi registrata l'anno scorso. La nuova misura degli interessi (prevista dall'articolo 30 del Dpr 602 del 1973) è stata fissata applicando una maggiorazione di un punto percentuale alla media dei tassi bancari attivi, come individuata dalla Banca d'Italia. Questa maggiorazione è necessaria per differenziare, a seconda della condotta del contribuente, il tasso di interesse nelle diverse ipotesi di riscossione mediante ruolo

Fonte: Il Sole 24 Ore