L'Agenzia delle Entrate pubblica l'annuario del contribuente 2011

L’Annuario del contribuente compie dieci anni insieme all’Agenzia delle Entrate e torna con nuovi contenuti, aggiornato con le ultime disposizioni fiscali.

Fonte: Agenzia delle Entrate

Questo pratico vademecum rappresenta un valido strumento per tutti i cittadini che vogliono essere in regola col fisco e conoscere i propri diritti.
Il nuovo volume, infatti, si propone come un “concentrato” di spiegazioni e informazioni utili per orientarsi in modo rapido nel mondo degli adempimenti e delle opportunità fiscali. Inoltre, offre un’ampia panoramica su tutti i temi di maggior interesse, a partire dalle istruzioni da seguire per compilare la dichiarazione dei redditi, illustrate con parole semplici e arricchite con l’aiuto di esempi.
L’Annuario, fin dalla prima edizione, illustra le regole del fisco e il modo più corretto per assolverle, con l’intento di facilitare la vita ai contribuenti e aiutarli ad adempiere spontaneamente agli obblighi fiscali.
Come ogni anno, i suoi contenuti sono rinnovati, aggiornati e, dove necessario, integrati con le ultime disposizioni fiscali, dalle novità sulla cedolare secca alle regole sulla detassazione degli straordinari.

Dopo le consuete informazioni generali relative alle scadenze fiscali dei primi sei mesi dell'anno e le indicazioni su come usufruire dei servizi dell'Agenzia o avvalersi dell'assistenza del Garante dei contribuenti, l'Annuario si sofferma a descrivere le novità tributarie che hanno caratterizzato l'ultimo anno: dalla tassazione agevolata degli straordinari e dei premi di produttività alla nuova imposta sostitutiva sui canoni di locazione (cedolare secca), passando per le misure contenute nella legge di stabilità 2011.
Tra queste ultime si segnalano, in particolare:
le nuove sanzioni ridotte previste per regolarizzare le violazioni commesse dal 1° febbraio 2011 quando si ricorre all'istituto del ravvedimento operoso o nei casi di utilizzo degli istituti deflativi del contenzioso (acquiescenza, accertamento con adesione, definizione agevolata delle sanzioni, adesione agli inviti al contraddittorio e ai processi verbali di constatazione) o per la chiusura di una lite fiscale pendente (conciliazione giudiziale);
la proroga al 31 dicembre 2011 della detrazione del 55% delle spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, con le attuali regole di determinazione delle rate;
le nuove ipotesi introdotte dal legislatore per l'emissione degli accertamenti parziali disciplinati dall'articolo 41-bis del Dpr 600/1973, per le imposte dirette, e dall'articolo 54 del Dpr 633/1972, per l'Iva.
La guida passa quindi in rassegna le più importanti disposizioni introdotte dal decreto 78/2010, convertito dalla legge n. 122 del 30 luglio 2010.
Le modifiche all'accertamento sintetico di tipo induttivo (redditometro), l'introduzione dell'obbligo dell'invio telematico delle operazioni con Iva superiore a 3.000 euro ("spesometro"), il divieto di effettuare la compensazione in presenza di debiti iscritti a ruolo e scaduti, sono solo alcune delle novità illustrate.

E' tempo di dichiarazioni: un "concentrato" di spiegazioni e di consigli pratici
La parte terza dell'Annuario è invece dedicata all'imposta sul reddito delle persone fisiche e ai relativi modelli da utilizzare per dichiarare la propria situazione reddituale: dalle aliquote Irpef al percorso da seguire per il calcolo dell'imposta e delle detrazioni, dagli sconti spettanti per i carichi familiari a quelli concessi a lavoratori dipendenti, pensionati e possessori di altri redditi.
Sotto la lente dell'Annuario, inoltre, le spese che possono essere sottratte dal reddito complessivo (oneri deducibili) e quelle che consentono una riduzione d'imposta (detrazioni). Un ampio sguardo, insomma, al panorama delle più importanti agevolazioni che si possono far valere con la presentazione della dichiarazione. Tra queste, particolare attenzione è riservata ai benefici fiscali previsti per le persone con disabilità e per i loro familiari.

L'aggiornamento è d'obbligo per evitare errori
Le indicazioni contenute nell'Annuario sono aggiornate alla normativa in vigore al 15 aprile 2011. Tuttavia, potrebbero subire modifiche per effetto di norme e provvedimenti emanati successivamente a tale data. Per questo motivo è fondamentale verificarne sempre la validità attraverso i diversi canali di informazione che l'Agenzia mette a disposizione:

il sito internet www.agenziaentrate.gov.it, sul quale controllare, in modo particolare, i comunicati dell'ufficio Stampa e Manifestazioni e la pagina "Tutte le news";
la rivista telematica www.fiscooggi.it, che offre ai suoi lettori informazioni utili e tempestive sui vari provvedimenti in materia fiscale;
il Call center dell'Agenzia, che risponde al numero telefonico 848.800.444.
Per fare qualche esempio, un'informazione non più attuale contenuta nell'Annuario cartaceo, poiché introdotta da un decreto del presidente del Consiglio dei ministri successivo alla stampa della pubblicazione, è l'indicazione delle scadenze dei termini di versamento delle imposte calcolate con le dichiarazioni Unico 2011 e Irap 2011 e dell'acconto dell'imposta sostitutiva dovuta dai contribuenti che scelgono il regime della cedolare secca sulle locazioni. Il nuovo termine di versamento è infatti slittato dal 16 giugno al 6 luglio, senza alcuna maggiorazione (e dal 18 luglio al 5 agosto, con la maggiorazione dello 0,40%).

Per lo stesso motivo non poteva trovare spazio nella pubblicazione stampata un'altra importante novità dell'ultima ora: lo slittamento del termine di presentazione del modello 730 al proprio sostituto d'imposta (16 maggio) e ai Caf e ai professionisti abilitati (20 giugno).
Tutti gli aggiornamenti sono comunque riportati nella versione online e troveranno spazio in un secondo volume dell'Annuario che sarà prodotto, come detto, nel secondo semestre dell'anno.